K2 la montagna grande

libri/priuliverlucca21.jpgdi A. Gogna e A. Raggio di A. Gogna e A. Raggio

Una perfetta forma piramidale di ghiaccio e roccia contraddistingue la seconda elevazione al mondo per altezza dopo l'Everest. Ritenuta una tra le montagne dalle linee estetiche più attraenti e spesse volte paragonato a un Cervino di dimensioni ciclopiche, il K2 sorge in una regione remota e poco accessibile. La montagna si eleva regale sul confine tra Pakistan e il Sinkiang nella Repubblica Popolare cinese. Situato nel settore centrale della catena del Karakorum, il K2 si affaccia su uno dei bacini glaciali più vasti e spettacolari della Terra. Dal lato pakistano, ai piedi del K2 si estende il ghiacciaio Savoia che confluisce più a valle nel Godwin Austen, dal nome di alcuni tra i primi esploratori. Ma é il circo Concordia, l'immensa conca dalla quale finalmente si scorge il profilo dello sperone sud-est (Sperone Abruzzi), che si gode uno dei più straordinari panorami. Una superba visione a 360° che si allarga sulle altre vette del Karakorum: da qui /visione a 360° che si allarga sulle altre vette del Karakorum: si stagliano contro il cielo le creste del Gasherbrum IV 7980 m, vedetta del gruppo omonimo che si richiude ad anfiteatro sul ghiacciaio dove dominano i più elevati Gasherbrum I 8068 m (anche Hidden Peak) e del Gasherbrum II 8035 m, Il Broad Peak 8047 m, il Mitre Peak 6013 m e, più discosto, il Chogolisa 7668 m. Testo tratto dal libro (pagina 13)

Editore: Priuli & Verlucca, Editori - Scarmagno (To)

Email: info@priulieverlucca.com